Il Guardiano Di Fiumicino

Oggi voglio raccontarvi di un’uscita fotografica come tante altre, anzi, di un’uscita fotografica che non avrei dovuto fare perché avevo altri impegni, un’uscita che non mi entusiasmava per niente, ritenevo il soggetto fotograficamente poco interessante, ma alla fine, le cose succedono per caso, gli impegni saltano, ti ritrovi libero senza nulla da fare, e allora che si fa? Zaino in spalla e si raggiungono gli amici, loro, i 3 di sempre: Max, Pino e Stefano.

Destinazione, il vecchio faro di Fiumicino, ad appena una decina di Km da casa, è li da sempre, eppure, mai avrei pensato di fotografarlo. Ci sarò passato davanti decine di volte ma da fuori non riesci ad immaginare quanto sia grande, quale panorama ci si ritrova di fronte guardando fuori da un delle tante finestre che accompagnano la salita lungo i 200 gradini della scala a chiocciola che porta alla terrazza. 

Già, devi entrarci per capirlo, ma è vietato farlo, perché il faro è pericolante e a rischio crollo, le numerose mareggiate hanno ormai eroso la scogliera di contenimento e le acque hanno raggiunto le fondamenta, in alcuni punti hanno ceduto i solai, in altri, alcune pareti.

Sui primi due piani i resti di quelli che una volta erano gli appartamenti dei guardiani del faro, in cima alla torre, la lanterna, simbolo di Fiumicino, e che dal 1971 è sempre spenta e non illumina più le notti di marinai e pescatori. 

Se una volta il faro era il simbolo di Fiumicino, oggi rappresenta il simbolo del fallimento, il fallimento della politica, incapace di programmare e agire per riqualificare, valorizzare e riaccendere, anche se solo metaforicamente, quello che una volta era il simbolo di Fiumicino.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutte le immagini presenti in questo sito sono di proprietà di Massimiliano Maura e coperte da Copyright. Nessuna immagine può essere quindi riprodotta, utilizzata o stampata senza l’autorizzazione espressa dell’autore. L’autorizzazione va chiesta per iscritto via posta elettronica e si ritiene accettata soltanto con un preciso assenso del proprietario, sempre per iscritto. Naturalmente il silenzio non dà luogo ad alcuna autorizzazione. Ogni utilizzo non autorizzato è proibito dalla Legge Italiana e Internazionale sul diritto d’autore, e come tale verrà perseguito. © Copyright - Massimiliano Maura